"Se un Glatorian poteva essere considerato una leggenda vivente, era lui. Era più vecchio adesso, forse non così temibile come nei secoli passati, ma quando parlava, gli altri Glatorian stavano sempre ad ascoltare."

—Narratore, Raid on Vulcanus

Ackar è un Glatorian della Tribù del fuoco, attualmente leader delle forze di difesa degli abitanti di Spherus Magna.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Ackar risiedeva in origine su Spherus Magna insieme alla sua Tribù, governata dal Signore elementale del fuoco. Partecipò alla Guerra del nucleo, in un caso scontrandosi con un esercito guidato da Tarix e in un altro combattendo in una campagna nel Canyon di ferro, che si rivelò tremenda per via della conformazione del territorio. Quando la Frantumazione si verificò, Ackar si trovava nella regione di Bara Magna, dove rimase bloccato con gran parte della popolazione. Nei tempi seguenti collaborò con altri veterani, fra cui Certavus, per prevenire nuove guerre istituendo i duelli nell'arena e vincendo ogni opposizione all'idea. Fu così fatto primo Glatorian di Vulcanus, il villaggio dove la Tribù del fuoco si era stabilita.

Carriera Glatorian[modifica | modifica sorgente]

Ackar vinse numerosi Grandi tornei nel corso dei successivi secoli. A seguito di un duello in cui Malum, secondo Glatorian di Vulcanus, aveva assalito Vastus dopo che questi si era arreso, Ackar parlò con Malum e lo avvertì che, continuando con questo atteggiamento, sarebbe andato in contro a gravi conseguenze. Gli disse anche che, in caso di estrema necessità, non avrebbe esitato ad ucciderlo. Malum non ascoltò i suoi avvertimenti e tempo dopo tentò di uccidere in duello Strakk, perciò Ackar e Raanu lo giudicarono e convennero di esiliarlo nei deserti. Tempo dopo Ackar affrontò in duello Gelu e vinse, così Vulcanus poté reclamare per sé una grande quantità di essidiana. Tuttavia, la carovana partita da Iconox per consegnare il carico tardava ad arrivare e per questo Ackar e Kiina partirono per trovarlo. Incontrarono Gresh, Strakk, Kirbold e Tarduk, incaricati di scortare il carico, che però era cascato in un fiume dopo un inseguimento.

Ackar con Raanu nel deserto

Il team escogitò un piano e Ackar stabilì che Strakk venisse "abbandonato" nel deserto come esca. In seguito Strakk trovò una squadra di Skrall e li convinse con un pretesto a ripescare il metallo perso, ma, quando gli Skrall tentarono di ucciderlo per non lasciare testimoni, furono colti di sorpresa da Ackar, Kiina e Gresh, che riuscirono a strappare loro il carico per fuggire. Nel tentativo di seminarli, si imbatterono però anche in Malum e il suo branco di Vorox, già responsabili per le perdita del carico in acqua, e dovettero fuggire anche da loro. Ackar allora finse di essere alleato dei Vorox per mettere contro di loro gli Skrall e scappare quindi indisturbato; il piano funzionò, e il team proseguì verso Vulcanus. Sulla via trovarono poi alcuni Cacciatori di ossa i quali, morenti, li avvisarono di un pericolo più avanti. Infatti apparse davanti a loro Telluris a bordo dello Skopio XV-1, ma i Glatorian combinarono le forze e riuscirono a sconfiggere il robot e il suo pilota. Arrivarono in questo modo a Vulcanus con il carico.

Raid contro Vulcanus[modifica | modifica sorgente]

Dopo del tempo Vulcanus incaricò Ackar di affrontare in duello Gresh. Dopo essere entrato in una locanda, Ackar udì Raanu, Gresh e Gelu parlare riguardo quello che sembrava un imminente assalto di Cacciatori di ossa al villaggio.

Ackar a Vulcanus

Si offrì di dirigere la difesa del villaggio e Raanu acconsentì, dopodiché il Glatorian decise di partire con Gelu per il deserto ed andò in cerca di Malum, sperando che accettasse di aiutare il suo vecchio villaggio. Malum in un primo momento rifiutò, ma, mosso anche dal rispetto che provava per Ackar, accettò almeno di guidare il suo branco contro un accampamento di Cacciatori di ossa, dove si consumò un'aspra battaglia. Ackar ringraziò poi Malum per il suo aiuto e fece ritorno a Vulcanus con Gelu. Più tardi i Cacciatori di ossa tentarono di avvicinarsi al villaggio, ma furono respinti da alcune trappole preparate in precedenza e si ritirarono. Nonostante Ackar fosse ancora preoccupato, Raanu congedò Kiina, Gresh e gli altri Glatorian accorsi a difendere Vulcanus. I Cacciatori però riuscirono a sorprendere la città sferrandole un attacco di notte e Ackar si oppose al saccheggio, affrontando Fero. Quando Ackar era sul punto di soccombere, i Glatorian mandati via tornarono a sorpresa, preoccupati anch'essi, e collaborarono per respingere i predoni fuori da Vulcanus.

Arrivo di Mata Nui[modifica | modifica sorgente]

Non molto dopo Ackar affrontò in un duello di riscaldamento Kiina. Raanu arrivò per ricordargli che doveva prepararsi per un duello che si sarebbe tenuto a breve contro Strakk e Kiina si lamentò con l'Agori del poco riguardo che aveva nei confronti dell'eroe che aveva da poco salvato la sua casa. Quando Ackar si mosse per fermare il litigio, tutti si volsero verso la Kanohi Ignika, che volando nel cielo emise un forte bagliore di luce, prima di precipitare nel deserto. Più tardi Ackar affrontò Strakk in duello e lo sconfisse, prendendosi lo scudo del guerriero. In quel momento Strakk lo attaccò alle spalle, facendolo cadere e preparandosi ad ucciderlo, ma Mata Nui balzò nell'arena e riuscì a mettere in fuga Strakk con la sua spada. Ackar, vistosi salvare la vita dallo sconosciuto, lo ringraziò e lo portò nella sua casa, dove gli mostrò i numerosi premi che aveva vinto nel corso degli anni.

Mata Nui e Ackar si allenano nel deserto

Quando, mentre parlava di sé, Mata Nui accennò al fatto che proveniva da un altro mondo, Kiina irruppe nella stanza, desiderosa di conoscere un guerriero proveniente da così lontano. Sebbene irritato dal comportamento, Ackar rassicurò Mata Nui che Kiina era una Glatorian affidabile e i tre decisero poi di partire per Tajun, dove secondo Kiina si trovava un laboratorio misterioso che poteva interessare a Mata Nui. Durante il viaggio a bordo di un Thornatus, il gruppo fu attaccato da uno Skopio e contemporaneamente da una squadra di Cacciatori di ossa; Ackar e Kiina, sbalzati dal veicolo, si occuparono di respingere i predoni, mentre Mata Nui riuscì a mettere fuori gioco la creatura con una frana, permettendo ai tre di proseguire il viaggio in sicurezza. Giunti a Tajun però incontrarono Gresh, ferito, che li avvisò che il villaggio era da poco stato razziato dagli Skrall, che si erano alleati con i Cacciatori di ossa. Kiina li portò alla grotta che aveva scoperto, dove si nascondeva Berix, il quale si offrì di curare le ferite di Gresh. Nel frattempo Ackar, Kiina e Mata Nui entrarono nel laboratorio dei Grandi Creatori, dopodiché Mata Nui usò la Ignika per potenziare le armi dei tre Glatorian, donando loro incredibili poteri elementali. Dopo del tempo trascorso nel deserto a testare i nuovi poteri ottenuti, Ackar, Kiina, Mata Nui, Gresh e Berix si recarono a Tesara, dove interruppero un duello in corso fra Tarix e Vastus. Ackar parlò a tutti dell'alleanza fra gli Skrall e i Cacciatori di ossa, che avevano saccheggiato Tajun, e dell'abbandono dei duelli nell'arena, necessario per creare un'alleanza fra le tribù. Le sue idee furono accettate quando Mata Nui dimostrò di essere un alleato degli Agori trasformando anche le armi di Tarix e Vastus. La notte seguente Ackar fu informato del rapimento di Kiina e Berix nelle Sorgenti calde; dopo aver lasciato partire Mata Nui verso Roxtus, il luogo in cui probabilmente i due erano stati condotti, il Glatorian si dedicò a dirigere i lavori di costruzione del Mega-Villaggio, dove tutti gli Agori della tribù di Bara Magna avrebbero presto iniziato a convivere. Poco dopo Ackar e molti altri Glatorian partirono per Roxtus per aiutare Mata Nui e collaborarono insieme agli Agori per sconfiggere definitivamente la minaccia degli Skrall e dei Cacciatori di ossa. Dopo la vittoria, Mata Nui decise di partire per la Valle del labirinto e Ackar, Kiina, Berix e Gresh lo seguirono, ma dovettero lasciarlo proseguire da solo dopo che Berix fu ferito in una zuffa con degli Skrall. Tornarono quindi al Mega-Villaggio, che difesero dall'attacco del predone Sahmad.

Ackar come set

Mata Nui fece infine ritorno dalla Valle, portando con sé una Fonte di potere in grado di riattivare il Mega-Villaggio, che in realtà era un antico robot creato dai Grandi Creatori. Raanu si rifiutò di cedergli il villaggio e quella notte Mata Nui parlò con Ackar e Gresh del pericolo che Teridax avrebbe presto potuto rappresentare per l'intero pianeta. Alla fine Raanu accettò le richieste di Mata Nui, che fece evacuare gli abitanti del villaggio e ne riattivò il robot.

Battaglia di Bara Magna e riformazione del pianeta[modifica | modifica sorgente]

Mata Nui iniziò quindi ad attirare Aqua Magna e Bota Magna verso Bara Magna per ricreare Spherus Magna, ma Teridax arrivò nel suo vecchio corpo e lo affrontò. Ackar e gli altri Glatorian scesero in campo per tentare di distrarre Teridax, il quale dunque scatenò contro di loro un'orda di Rahkshi e Skakdi. Nel corso della battaglia, Tahu incenerì i Kraata dei Rahkshi con l'Armatura d'oro e ciò permise a Mata Nui di uccidere definitivamente Teridax e quindi di riformare con successo Spherus Magna. Dopo aver ridonato vita al pianeta, il corpo robotico di Mata Nui collassò a terra e Ackar e Kiina, accorsi sul posto, trovarono la Ignika, dove Mata Nui si era ritirato. Mata Nui espresse il suo desiderio di lasciare a loro il compito di riformare una società per il pianeta e si ritirò dormiente nella maschera. Nei tempi seguenti, Ackar e Kiina hanno iniziato a collaborare con Tahu per permettere una pacifica unione fra la popolazione di Spherus Magna e quella dell'Universo Matoran, superando ogni differenza.

Personalità, poteri e caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Ackar insieme a Mata Nui, Kiina e Gresh a Roxtus

Ackar, guerriero potente e molto esperto, si era con il tempo appesantito per le vicende che aveva vissuto nel corso della sua vita e ciò si ripercuoteva anche nelle sue capacità. Lui attribuiva ciò anche alla vecchiaia, ma, anche se i suoi Agori avevano perso fiducia in lui, combatteva comunque al meglio nelle arene. Grazie a Mata Nui, può ora controllare il fuoco in ogni suo aspetto, che ha dovuto padroneggiare per impedire piccoli incidenti, come piccole scintille che generava per sbaglio.

Strumenti[modifica | modifica sorgente]

Ackar possiede una spada di fiamma, che gli permette di incanalare i suoi poteri elementali, uno scudo, che ha usato in combattimento, e un Lanciatore Thornax. Con il tempo ha vinto in battaglia molte armi e scudi, che ornano le pareti della sua casa.

Set[modifica | modifica sorgente]

Ackar è stato rilasciato con il codice 8985 nell'estate del 2009, in un set medio. Conteneva 55 pezzi.


I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.