Bionicle Wiki ITA Wikia
Advertisement

"Toa avrebbero affrontato Toa nell'oscurità al di sotto della città, in uno scontro che vive ancora nei miei incubi."

Turaga Vakama

The Darkness Below è il terzo libro della serie BIONICLE Adventures ed anche il terzo del 2004. Parla dello scontro avvenuto fra i Toa Metru e Krahka, un misterioso Rahi mutaforma.

Trama[]

Toa Metru, che hanno esaurito i loro poteri nello scontro vincente con la Morbuzakh, si dirigono verso lo Stadio per incontrare Dume ed essere acclamati nuovi difensori della città. Lungo la via vengono però fermati da Nuparu, un Onu-Matoran che li avvisa di una perdita di acqua direttamente dal mare, che si sta riversando in alcuni tunnel di manutenzione degli Archivi. Il team accetta di scendere sotto terra per fermare la perdita prima di proseguire il viaggio. Whenua prende le redini della missione, essendo stato un archivista, e guida gli altri nella Tela di Fikou, un'intricata serie di tunnel che si snodano sotto Metru Nui. Subito sono attaccati da uno sciame di mosche di fuoco, che Matau respinge con quel poco di potere che gli è rimasto, ma davanti a loro appaiono due Rahkshi, uno del controllo degli insetti e uno del controllo del clima; Nuju riesce a far scatenare un tornado al Rahkshi del controllo del clima, causando però la morte delle mosche di fuoco e portando l'altro Rahkshi ad attaccare il suo simile. I Toa fuggono e si ritrovano davanti a sei gallerie. Decidono dunque di dividersi per trovare la perdita il prima possibile. La situazione, tuttavia, diventa presto molto confusa: Nokama viene attaccata da un Rahkshi senza KraataVakama viene steso da un colpo di Nokama; Matau è fuso ad una roccia da Onewa, che possiede strani poteri sul fuoco; Onewa, invece, viene sconfitto da Vakama. Tutti, poco dopo, si ritrovano ed iniziano a combattersi l'un l'altro. Vakama viene preso di mira da Nokama e Onewa, ma quest'ultimo viene accusato da Nuju e Matau di averli attaccati. Sebbene tutti molto dubbiosi, i Toa decidono di fermarsi e di proseguire e poco dopo li raggiunge Whenua, che, udite le loro storie, li informa della possibile presenza di Krahka, un Rahi mutaforma che può assumere l'aspetto, la voce e i poteri di chi incontra. I sei procedono cautamente dietro a Whenua, che tiene in mano una Pietra di luce per farsi strada nell'oscurità. Il team si ritrova presto davanti ad un burrone pieno di ratti e con un cavo a collegare le due sponde. Whenua, Nokama e Matau raggiungono senza problemi la sponda opposta, ma, mentre Vakama passa per il filo, un Rahkshi del controllo della densità, con l'aspetto di un fantasma, lo attacca e taglia il filo. Vakama e Matau riescono a sconfiggerlo facendolo svanire, e Onewa e Nuju collaborano per raggiungere gli altri. Whenua riprende subito il cammino. I sei si addentrano poi in una fitta nebbia, iniziando uno dopo l'altro a svanire. Nokama cerca di convincere Whenua a fermarsi per cercare gli altri, ma capisce di non avere davanti il Toa della terra quando questi insiste nel procedere: egli è proprio Krahka, il Rahi mutaforma da lui accennato il precedenza. Krahka, passando rapidamente da una forma all'altra, spiega alla Toa del suo odio per i Matoran e gli altri "abitanti della superficie" e la lascia fra le grinfie di tre Rahkshi, uno dei raggi fulminanti, uno dell'illusione ed un altro del ciclone. Riesce a sconfiggerli uno dopo l'altro e a recuperare gli altri Toa eccetto Whenua. Nuju è imprigionato però in campo di stasi e per liberarlo gli altri ricorrono ad un Kanoka di teletrasporto. I Toa proseguono alla ricerca di Whenua e trovano numerose anguille laviche, che corrono verso di loro dopo essere state spaventate da un boato e li costringono ad aggrapparsi a dei tubi sul soffitto per evitare il terreno, che è diventato bollente per le anguille. Dopo aver udito una qualche creatura risvegliarsi sotto i loro piedi, i Toa Metru raggiungono uno spiazzo e Nuju si offre di procedere per primo, trovando una grotta in cui Whenua è tenuto prigioniero sul soffitto. Krahka lo attacca e chiude il Toa del ghiaccio in una prigione di pietra, dopodiché assume il suo aspetto e torna dagli altri. Nokama e Vakama però intuiscono il suo piano e fanno nascondere Matau, che poi balza addosso al falso Nuju, rivelando Krahka. Il Rahi mutaforma però si libera prendendo l'aspetto di una anguilla lavica e fugge via. I Toa, incapaci di raggiungerla, iniziano allora a scavare un tunnel per tentare di fuggire, sapendo che il Rahi non lo permetterà, e infatti Krahka ritorna, con l'aspetto di una nebbia nera, e li porta tutti nella sua tana. Qui i Toa trovano Whenua e Nuju imprigionati e Krahka afferma che non usciranno mai dalla grotta. Vakama allora la colpisce con un Kanoka di ricostruzione casuale per distrarla, mentre Matau libera Whenua dal soffitto e Nokama e Onewa soccorrono Nuju. Krahka inizia dunque a combattere i Toa usando i loro stessi poteri, mentre Vakama la provoca affermando che è solo una "ladra" di poteri altrui. Alla fine, dopo aver scatenato tutti i poteri dei Toa in un unico colpo che ha generato del Protodermis solido, Krahka rimane stremata sia fisicamente che mentalmente e collassa a terra, dopodiché prende le forme di un anguilla lavica e fugge. Vakama vede cosa i Toa potranno un giorno diventare se useranno in modo improprio i loro poteri. Stanchi ma vittoriosi, i Toa fermano la perdita e possono finalmente fare ritorno alla superficie.

Personaggi[]

Trivia[]

  • Insieme al libro furono rilasciate delle foto in bianco e nero in cui era mostrato il set di Krahka nelle forma assunta per combattere tutti i Toa e alcune foto di come costruirla.


Advertisement