Bionicle Wiki ITA Wikia
Advertisement

Legends of Metru Nui è il quarto libro della serie BIONICLE Adventures ed anche il quarto del 2004. È la versione cartacea del film Bionicle 2 - Le leggende di Metru Nui, e per questo motivo alcuni dei suoi eventi sono contemporanei o precedenti a quelli degli altri libri della serie.

Trama[]

Toa Lhikan entra nel Grande Tempio per recuperare sei preziose Pietre Toa, quando viene attaccato da due Cacciatori dell'oscuritàNidhiki e Krekka. Riesce a fuggire dal tempio e consegna le pietre a sei Matoran da lui prescelti: NokamaOnewaWhenuaMatau e Nuju. Arrivato dall'ultimo, Vakama, Lhikan fa in tempo ad affidargli la pietra e ad avvisarlo di una minaccia oscura che incombe sulla città. In quel momento Nidhiki e Krekka irrompono nella fornace di Vakama e prendono il Ta-Matoran in ostaggio, perciò Lhikan si arrende e viene catturato. Vakama invece riesce a mettersi in salvo grazie al Toa ed ha una visione di Lhikan stesso, il quale gli chiede di aiutare il Grande Spirito. Vakama torna nella sua fornace e, dopo aver incontrato Turaga Dume, desideroso di sapere a che punto sono i lavori per forgiare la preziosa Vahi da lui richiesta, tira fuori la pietra, che aveva nascosto, e scopre insieme ad essa una mappa del Grande tempio. Si reca quindi al tempio, dove incontra gli altri Matoran che hanno ricevuto da Lhikan le pietre Toa. I sei piazzano le pietre nel Suva e un fascio di energia li trasforma nei Toa Metru. Un ologramma di Lhikan appare per chiedere loro di salvare il "cuore" di Metru Nui, ma i nuovi Toa non hanno idea di cosa debbano fare. Vakama ha però una nuova visione, in cui sembra che i mitici Grandi dischi possano sconfiggere la Morbuzakh. Gli altri Toa non vogliono credergli, ma Nokama si schiera dalla sua parte e trova una scritta in cui, con dei messaggi criptici, viene detto dove trovare i dischi. I Toa, sebbene dubbiosi, iniziano allora la ricerca dei Grandi dischi. Terminata la sua missione, il team si reca allo Stadio, dove, accolti dalla folla, gli eroi raggiungono Dume e gli mostrano i dischi, sperando di essere riconosciuti come nuovi difensori della città dopo la scomparsa di Lhikan. Dume tuttavia, dopo aver rimproverato Vakama per non aver ancora trovato un modo per forgiare la Vahi, ordina loro di dimostrare il loro valore nell'arena di Akilini, dove devono schivare con agilità le insidiose colonne di Protodermis che possono essere controllate dallo stesso Dume. I Toa si dimostrano incapaci di destreggiarsi nell'arena e Dume perciò li accusa di essere banali impostori, e ordina ai Vahki di arrestarli. Intanto i Matoran creano un tornado artificiale nell'arena e Whenua, Nuju e Onewa vengono risucchiati. Vakama invece riesce a schiacciare i Vahki facendo crollare su di loro una statua di Lhikan e fugge con Nokama e Matau via. Dume ordina a Nidhiki e Krekka di trovare i tre fuggitivi, mentre Nuju, Whenua e Onewa vengono condotti in prigione. Vakama, Nokama e Matau pensano sia opportuno trovare Lhikan per risolvere la situazione e fuggono dallo Stadio tramite un Chute, sfuggendo ai due Cacciatori dell'oscurità. Dume intanto, in una sala dello Stadio, interloquisce con una misteriosa ombra, preoccupata della mancata realizzazione della Vahi, ma è convinto che i Vahki sapranno gestire la situazione. Mentre i Toa fuggono nel Chute, Nidhiki e Krekka costringono Kongu, un guardiano delle stazioni Chute, ad invertire il flusso del Chute. Nokama, Vakama e Matau allora fuggono dal flusso e si ritrovano a Ko-Metru, dove Vakama ha una nuova visione: Lhikan, presente accanto a lui, lo lascia per diventare una stella. Dopo aver osservato un enorme schermo in cui Dume chiede di scovare i falsi Toa, Vakama osserva i Grandi dischi e quasi per caso questi cominciano ad attrarsi, arrivando a fondersi. Il Toa ripete il procedimento con gli altri e crea un unico disco, mai visto prima. Nota poi in cielo la Stella spirito di Lhikan dirigersi verso Po-Metru e, pensando che sia più importante trovare lui che gli altri Toa imprigionati, sale con Nokama e Matau su un mezzo di trasporto Vahki diretto verso Po-Metru. Su di esso, i tre trovano strani contenitori sferici vuoti e toccandone uno Vakama ha una visione in cui i Matoran sembrano in grave pericolo. Nel frattempo i Toa prigionieri fanno conoscenza con un misterioso Turaga che li aiuta a scoprire i poteri delle loro Kanohi attraverso allenamenti singolari. A Po-Metru Vakama e gli altri vengono attaccati da Nidhiki e Krekka e rischiano di essere sconfitti, ma una mandria di Kikanalo arriva all'improvviso e i Cacciatori dell'oscurità si ritirano, mentre Nokama scopre di poter comunicare con loro tramite la sua Rau. Viene così a sapere dai Rahi che Lhikan è stato portato in prigione e si fanno accompagnare da loro fino al Canyon dei sussurri senza fine, dove vi è un accesso alla prigione. Qui sbaragliano gli Zadakh di guardia all'entrata e Matau usa i poteri della sua Mahiki per ingannare e seminare Nidhiki e Krekka. Nella prigione, Nuju usa la sua Matatu per aprire nella parete una crepa, da cui i tre Toa e il Turaga fuggono, mentre Whenua guida gli altri verso l'uscita usando la sua Ruru. I quattro incontrano poco dopo Vakama, Nokama e Matau e a quel punto il Turaga rivela di essere Lhikan. I Toa, meravigliati, trovano poi una sfera vuota in cui è tenuto Dume e capiscono che il Dume che li perseguita è un impostore, perciò prendono un veicolo Vahki lì presente e fuggono dalla struttura evitando i Vahki ed anche alcuni Lohrak. Intanto il falso Dume, Teridax, raduna allo Stadio tutti i Matoran della città e i Vahki li rinchiudono nelle Sfere Matoran predisposte. I Toa e Lhikan arrivano poco dopo, solo per assistere impotenti al Grande cataclisma che devasta completamente Metru Nui. Mentre Teridax assorbe le energie della città, i Toa caricano alcune delle sfere Matoran sul loro veicolo, dopodiché fuggono via mare verso la Grande barriera, dove Vakama ha una nuova visione e comprende di dover guidare tutti i Matoran via da Metru Nui, verso una nuova casa. Forgia nel frattempo la Vahi usando il disco ottenuto in precedenza. Teridax invece assorbe dentro di sé anche Nidhiki, Krekka e Nivawk e insegue i Toa, tentando di farli affondare controllando il mare che li circonda. Vakama allora decide di affrontarlo e rivela la Vahi, sorprendendo il Makuta stesso, e accetta di affrontarlo. Durante lo scontro, il Toa attiva la Kanohi, ma non è in grado di controllarla, perciò Lhikan si getta davanti a lui per subire il colpo mortale di Teridax e salvare Vakama. La Vahi viene scagliata via e Teridax va a cercarla, mentre Vakama saluta il morente Lhikan, fiero di averlo reso un Toa, e riceve da lui la sua Hau. Scopre così il potere della sua Huna, l'invisibilità, e la usa per confondere Teridax ed impedirgli di usare la Vahi, che viene scagliata in acqua. Riesce alla fine ad ingannarlo facendolo schiacciare da un pilastro colossale di pietra e insieme agli altri Toa, venuti in suo soccorso, crea una gabbia di Protodermis indistruttibile per imprigionarlo. Terminato lo scontro, i Toa Metru riprendono il viaggio con il loro veicolo e giungono alla paradisiaca isola di Mata Nui, che da ora in poi sarà la loro nuova casa.

Personaggi[]


Advertisement