Bionicle Wiki ITA Wikia
Advertisement

"I Toa stavano fermi, in silenzio, pensando alla mole di mostruosità che avevano incontrato da quando erano entrati in questo labirinto delle ombre. E la stessa domanda rimbombava in tutte le loro menti: cosa potrebbe essere in alcun modo più terribile di ciò che abbiamo visto?"

—Narratore

Maze of Shadows è il sesto libro della serie BIONICLE Adventures ed anche il sesto del 2004. L'anno seguente, un videogioco chiamato BIONICLE: Maze of Shadows e tratto dagli eventi del libro omonimo è stato rilasciato. Il libro tratta del viaggio di ritorno verso Metru Nui intrapreso dai Toa Metru.

Trama[]

Toa trovano finalmente la pace sull'isola di Mata Nui e decidono di dividersi per trovare ognuno il luogo ideale in cui fondare il villaggio in cui i Matoran del proprio elemento risiederanno. Solo Nokama ha già deciso di edificare la futura Ga-koro nella Baia di Naho, proprio dove i Toa sono sbarcati. Matau esplora la vasta giungla di Le-wahi, lamentandosi della presenza di numerose paludi. Ad un certo punto si perde e segue una liana, pensando sia un cavo che in qualche modo lo porterà a qualche stazione Chute. Deluso quando si accorge che la liana l'ha portato solo ad altri rami, si ricorda che su quest'isola i Toa dovranno iniziare una nuova vita da zero. Nuju invece scala un'alta montagna e ripensa intanto al suo passato. Si ricorda così di Ihu, il suo maestro morto anni prima, e decide di chiamare in suo onore il monte, su cui troverà un posto per fondare il villaggio dei Ko-MatoranVakama intanto esplora il Vulcano Mangai e decide di costruire Ta-koro al centro di un lago di lava, dove sarà più difficile da espugnare. Ha poi una visione in cui i sei Toa perderanno tutti i loro poteri, perciò torna rapidamente sulla spiaggia dove i Toa sono arrivati la prima volta. Qui riunisce i Toa e spiega che dovranno creare sei Pietre Toa infondendo in esse un po' del loro Potere Toa. Matau e Onewa criticano l'idea, ma alla fine acconsentono. Onewa racconta poi di aver scoperto una caverna da cui è uscito un Nui-jaga e pensa che possa quindi portare ad un qualche passaggio diretto a Metru Nui, dove il team dovrà tornare per recuperare tutti i Matoran ancora imprigionati nelle Sfere Matoran dello Stadio. I Toa allora si addentrano nella caverna, scoprendo un complesso ed oscuro sistema di tunnel sotterranei, pieni di Rahi morti, feriti o con misteriose ed inquietanti mutazioni. Matau viene poco dopo attaccato da un grosso serpente rosso, il cui colpo è così violento che il Toa rimane fuso alla parete della caverna; Onewa e Vakama si adoperano per liberarlo dalla roccia. Anche un Kranua sferra un assalto sul team, ma viene respinto e distrutto. Proseguendo, i Toa trovano un nido Bohrok, dove Vakama ha una visione dei Bohrok mentre devastano Mata Nui, e scoprono i devastanti effetti del Protodermis energizzato su una creatura di passaggio, che rimane polverizzata. Mentre esplorano le gallerie, i sei vengono poi attaccati dal Rahi Nui, un tremendo Rahi che li sbaraglia e ferisce con il suo veleno Nokama. Vakama e Nuju riescono a sconfiggerlo sfruttando la sua capacità di assorbire energia, ma Nokama versa in terribili condizioni. Vakama insiste nel proseguire e sperare di trovare una qualche cura in città e poco dopo il team viene catturato da Karzahni, una mostruosa pianta. Karzahni, chiamata così in onore dell'omonima figura leggendaria, racconta di essere stata creata da Teridax come prototipo della Morbuzakh e di essere stata abbandonata dal suo creatore in quelle caverna perché era troppo indipendente. Offre quindi di curare Nokama con un antidoto se in cambio i Toa le porteranno un po' di Protodermis energizzato da una delle tante caverna di Teridax, così che la pianta possa trasformarsi e lasciare il posto in cui è relegata. Curata temporaneamente Nokama, i Toa trovano una fiala con cui recuperare la sostanza e Onewa viene attaccato da un Kratana, che gli fornisce una criptica visione riguardo i Visorak. Vakama libera Onewa bruciando la creatura, dopodiché il team trova una fonte di Protodermis energizzato. La sostanza tuttavia si personifica, rivelando di essere senziente, e si rifiuta di aiutarli, decidendo invece di attaccarli. I Toa riescono però a frantumare i piloni che reggono la camera, facendola crollare, e fuggono dopo aver riempito la fiala con un po' di Protodermis energizzato. Lo portano quindi a Karzahni, che, curata Nokama in modo permanente, tenta di usare su di sé la sostanza; non essendo però destinata a trasformarsi, viene dunque bruciata ed uccisa da essa. I Toa, dopo una riflessione sugli esseri consumati proprio dall'oscurità dentro di loro, possono finalmente proseguire il viaggio verso Metru Nui.

Personaggi[]


Advertisement