"I Toa prenderanno la maschera della vita per me... e condanneranno se stessi nel farlo."

Teridax

Prisoners of the Pit è il settimo libro della serie BIONICLE Legends e il secondo del 2007. Vede i nuovi Toa Mahri e i Barraki combattersi per il possesso della Ignika.

Trama[modifica | modifica sorgente]

L'essenza di Teridax, sotto forma di Antidermis gassoso, attraversa la Corda e si dirige verso l'oceano. Decide che questa volta agirà personalmente per mettere in moto i suoi piani, piuttosto che servirsi di burattini come i Rahkshi o i Piraka. Attraverso la Corda, intanto, i Toa Inika stanno combattendo con una banda di Zyglak che vive in quelle gallerie. In quel momento un'anguilla velenosa gigante creata dalla Ignika nota i rumori che provengono dalla Corda e si lancia contro di essa, iniziando a scuoterla. La Ignika, che in quel momento è stata appena strappata da Pridak dalle mani di Dekar, genera un'esplosione di luce che investe tutta la regione e travolge i Toa Inika, i quali vengono trasformati in Toa Mahri. I Barraki intanto si sorprendono di essere sopravvissuti ad una tale esplosione luminosa e Kalmah nota che Pridak, in possesso della maschera, sembra iniziare a mostrare segni di follia, accorgendosi inoltre che la Ignika è percorsa da una lunga crepa. Takadox altrove nota invece i Toa Mahri, appena giunti, mentre combattono con l'anguilla gigante e si chiede chi fra i due schieramenti vincerà. Dekar, dopo l'esperienza traumatica dei Barraki, cerca di fuggire, ma la sua bolla d'aria si esaurisce e rischia perciò di morire. Per fortuna, la Ignika lo trasforma in una replica di Hydraxon, il defunto carceriere del Pozzo, donandogli inoltre tutti i suoi ricordi. Dekar-Hydraxon è quindi convinto di essere l'originale e si mette all'opera per ricatturare i fuggitivi del Pozzo. Nel frattempo i Toa Mahri, che hanno subito iniziato a combattere l'anguilla gigante, si accorgono di poter solamente respirare sott'acqua e di aver perso la possibilità di fondere i loro poteri con il fulmine, come accadeva in precedenza. Riescono comunque a sconfiggere il mostro, dopodiché si recano al villaggio di Mahri Nui, ma i Matoran locali li scambiano per dei prigioneri del Pozzo e li attaccano. Defilak ferma gli scontri e, dopo aver preso in ostaggio Matoro, chiede agli altri di dimostrare che siano veri Toa liberando i Campi d'aria dai Keras, che li stanno pattugliando. I Toa si recano sul posto e scacciano i Keras, ma poco dopo vengono trovati dai Barraki, che li catturano e li portano via. Defilak assiste alla scena e si convince che Toa e Barraki siano alleati, perciò Matoro è costretto a fuggire per non essere attaccato, ma poco dopo viene trovato da Hydraxon, che lo crede un fuggitivo. Il carceriere lo rinchiude in una cella del Pozzo e pone un Maxilos a sorvegliarlo. Mentre Matoro progetta di scappare, il robot rivela di essere posseduto proprio da Makuta Teridax, che libera Matoro e afferma di essere dalla parte dei Toa. Intanto i Barraki, che hanno abbandonato i Toa in alcune caverne protette da creature marine, decidono di affidare la Ignika a Nocturn, visto che non fidano l'uno dell'altro. I Toa invece, scoprendo i poteri delle loro nuove Kanohi, riescono a fuggire dalla prigionia. Kalmah e Carapar tornano per controllarli e si imbattono in Jaller e Kongu; quest'ultimo usa la sua Zatth per evocare un mostro marino e mettere in fuga i due Barraki. Nuparu invece scopre un arsenale di Blaster Cordak e tutti i Toa se ne dotano, dopodiché fanno ritorno a Mahri Nui e riescono a convincere i Matoran di essere loro alleati. A loro si riunisce anche Matoro, il quale finge che il Maxilos che li accompagna sia un loro alleato. Il robot propone ai Toa di separarsi per trovare la maschera. Nocturn intanto si accorge che, mentre tiene la maschera in mano, può uccidere chiunque tocchi, perciò la lascia per dirlo ad Ehlek. La preziosa Kanohi viene poi toccata da un piccolo Gadunka, il quale, investito dai suoi poteri, si ingrandisce fino a diventare un enorme mostro marino. I Barraki si riuniscono e, saputo che i Toa sono fuggiti e che Nocturn è scomparso, temono che i Toa Mahri abbiano preso la Ignika, perciò si dividono per trovarli e sconfiggerli. Mantax trova Hahli e la attacca con il suo veleno, senza lasciarle apparentemente via di scampo. Jaller e Kongu invece stringono un accordo con Kalmah e Carapar, a cui promettono, una volta in possesso della maschera, di uccidere Pridak e farli ritornare al loro vero stato. Nuparu e Hewkii vengono attaccati da Ehlek e si ritrovano in un nido di anguille velenose, che iniziano a distruggere con i blaster. Nei paraggi, Pridak e Takadox stanno combattendo con le loro armate contro Matoro e Maxilos, che hanno creato un'orda di creature zombie grazie alla Tryna del Toa. Hewkii usa la sua Garai per far scontrare alcuni Takea di Pridak su le anguille di Ehlek, irritando quest'ultimo e mettendolo contro Pridak. I Toa e Maxilos possono quindi fuggire mentre i Barraki si scontrano fra loro. In seguito i Toa si ritrovano a Mahri Nui, tutti tranne Hahli, che si è salvata da Mantax con la sua Faxon ed ha stretto con lui un accordo per guidare in qualità di vice il suo esercito di razze marine. Nel frattempo Nocturn incontra Hydraxon e viene sconfitto agilmente dal carceriere, che credeva giustamente fosse morto. Hydraxon si impossessa della Ignika e, ancora influenzato dai vecchi pensieri di Dekar, decide di distruggerla, perciò la attacca con il suo Cordak blaster. Teridax invece rivela a Matoro che, affinché Mata Nui sia curato, la Corda dovrà essere distrutta: questo causerà l'affondamento di Voya Nui e la distruzione di Mahri Nui, oltre che la morte di tutti i Matoran in entrambi i luoghi. Contemporaneamente su Metru Nui, i Toa Nuva seguono le indicazioni di Axonn e si intrufolano nel Grande tempio, dove recuperano il Rotolo delle preparazioni, una serie di missioni da completare prima di poter risvegliare Mata Nui. Alcune missioni sembrano strane, perfino in contrasto con ciò che i Toa hanno fino ad ora pensato, ma il team decide comunque di effettuarle, perciò, seguendo la prima indicazione, tornano su Mata Nui e liberano le Bahrag, cosicché i Bohrok possano portare a termine il loro compito e ripulire l'isola.

Personaggi[modifica | modifica sorgente]


I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.