Bionicle Wiki ITA Wikia
Advertisement

"Ho il diritto di collezionare quello che voglio. Tanto è robaccia che non vuole nessuno"

"E perché tu la prendi!?"

"Perché mi piace riparare le cose, e in questo sono anche molto bravo."

—Berix e KiinaLa leggenda rivive

Berix è un Agori della Tribù dell'acqua.

Biografia[]

Berix nacque su Spherus Magna qualche tempo dopo Tarduk e visse sul pianeta insieme alla sua tribù, che si trovava sotto il dominio del Signore elementale dell'acqua. Divenne amico di Telluris, condividendo con lui la sua passione per i macchinari, ma dopo la crisi della Tribù del ferro, Telluris si estraniò dalla società. Quando la Frantumazione colpì il pianeta, Berix si trovava su Bara Magna ed iniziò a risiedere con i sopravvissuti della sua tribù a Tajun.

Bara Magna[]

Un giorno Berix aiutò Crotesius a rinvenire dalla sabbia un vecchio veicolo, che risultava terribilmente danneggiato. L'Agori collaborò per ripararlo con Crotesius, che lo rese in seguito il suo veicolo personale con il nome di Cendox V1. Durante i suoi viaggi, Berix scoprì nei pressi di Tajun il laboratorio sotterraneo dei Grandi Creatori, dove trovò un'antica moneta con incisi misteriosi simboli. Kiina, che talvolta usava la caverna come luogo di ritiro e riposo, ammonì l'Agori di non farsi più trovare al suo interno, ma Berix ignorò gli avvertimenti, tornandovi più volte e riparando anche le luci del posto. Durante un'uscita nel deserto, Berix scoprì un pezzo di carta, che notò essere parte del mitico Libro di Certavus. Dopo essersi recato a Tesara ed aver assistito ad un duello fra Tarix e Gresh, Berix propose a Gresh, in cerca di nuovi spunti per adottare diversi stili di combattimento, di collaborare per trovare il libro, in cambio di protezione durante le sue ricerche di oggetti preziosi. I due si recarono nel deserto, dove poco dopo furono attaccati da un branco di Vorox.

Berix con il libro di Certavus

Le creature spinsero i due all'interno di un'arena abbandonata, disseminata di manichini per addestramenti. Posizionando ovunque i manichini, Gresh riuscì a respingere gli assalti dei Vorox, che, spaventati dalle figure, alla fine si ritirarono. Poco dopo Berix trovò nell'arena il Libro di Certavus e lo offrì al Glatorian, che però non era più interessato, avendo già sperimentato nuove tecniche di combattimento. Un giorno, mentre si trovava nel deserto alla ricerca di oggetti di interesse, Berix incontrò Fero e il suo Skirmix e tentò di fuggire. Il Cacciatore di ossa però lo inseguì e lo catturò. Quando era sul punto di ucciderlo, venne però intercettato da Gresh, che assistito da Tarix e Strakk lo mise in fuga. Berix ringraziò i tre, aggiungendo tuttavia di non avere nulla con cui ripagarli, ma Gresh lo tranquillizzò. Il gruppo si diresse verso Vulcanus e superò alcuni Vorox, che si ritirarono dalla zona dopo l'ordine del loro capo Malum. Più tardi Berix, mentre esplorava una caverna, fu trovato da Tarix, il quale lo interrogò su cosa stesse facendo. Tempo dopo Berix fu accusato a Tajun di aver rubato un'antica e preziosa lancia da Atero; un Agori inviato da Raanu alla ricerca di aiuto contro i Cacciatori di ossa, arrivò a Tajun e, scoperta la questione, aiutò Berix a costruire una seconda lancia, che tolse da lui ogni sospetto. Per ringraziarlo, Berix gli presentò Tarix, che avrebbe potuto aiutarlo nella sua missione. In seguito Berix si recò con molti Agori e Glatorian ad Atero per assistere all'annuale Grande torneo. Durante il primo round di duelli, Berix, Raanu e Metus discussero della curiosa assenza degli Skrall e i tre uscirono dalla città per vedere se qualche Skrall fosse nei paraggi. Proprio in quel momento notarono un gigantesco esercito di Skrall dirigersi contro Atero e diedero l'allarme ai Glatorian, che provarono invano a difendere la città dagli invasori. Berix e gli altri dovettero fuggire per sopravvivere e l'Agori si ritrovò più tardi con Metus, Raanu e altri Glatorian in un luogo sicuro per discutere su come contrattaccare gli Skrall.

Arrivo di Mata Nui[]

Berix come set

Tempo dopo gli Skrall attaccarono e saccheggiarono Tajun e Berix cercò riparo nel laboratorio sotterraneo. Qui venne poi scoperto da Ackar, Kiina, Gresh e lo straniero Mata Nui. Kiina protestò, ma Berix accettò di curare le ferite di Gresh, che aveva tentato di respingere gli Skrall dal villaggio. Più tardi il gruppo lasciò il laboratorio e partì per recarsi a Tesara. Arrivati al villaggio, Berix provò a rubare uno scudo cerimoniale che aveva trovato incustodito, ma venne ripreso da Kiina; tornò comunque dopo a riprenderselo. Sapendo di non essere il benvenuto al villaggio viste le continue accuse di furto che gli venivano mosse contro, Berix rimase solitario e la notte seguente si recò alle Sorgenti calde, dove fu scoperto da Kiina, che lo accusò di essere il traditore di cui si parlava in giro. I due vennero però in quel momento trovati da Metus, che si rivelò il vero traditore, e catturati dagli Skrall, che li condussero a Roxtus. Qui Berix e Kiina furono posti in una gabbia sospesa in aria, senza molte speranze di fuga. In seguito però Mata Nui si presentò al villaggio e sfidò a duello Tuma per liberare i due prigionieri, che osservarono la sfida, infine vinta proprio da Mata Nui. Dopo la vittoria, Metus apparve ed ordinò agli Skrall di uccidere il guerriero, ma un esercito di Glatorian e Agori arrivò e scatenò una battaglia contro gli Skrall presenti. Kiina e Berix furono liberati e la Glatorian lo invitò a starle vicino per sopravvivere nello scontro. Berix tuttavia finì, nel caos, su un destriero della roccia e combatté come poté contro alcuni Cacciatori di ossa.

Berix

Dopo la vittoria nella battaglia, Kiina rinvenne l'Agori sotto un cumulo di macerie, felice di aver salvato l'Agori. Tornato a Tesara, Berix osservò con gli altri la costruzione del Mega-Villaggio e notò che esso aveva una forma umanoide, perciò mostrò a Mata Nui la moneta da lui trovata tempo prima, su cui vi era una figura simile e sul cui retro vi era incisa la Valle del labirinto. Nei tempi seguenti Berix collaborò anche con Kirbraz e Scodonius per riparare il loro Kaxium V3 e venne per questo accolto dai due nel team. Partì poi con Mata Nui, Ackar, Kiina e Gresh in un viaggio verso la Valle del labirinto, ma durante la spedizione venne ferito da alcuni Skrall, perciò dovette tornare al villaggio con gli altri, lasciando Mata Nui proseguire da solo. Alcuni giorni dopo Mata Nui tornò dalla Valle e ottenne il permesso di riattivare il villaggio, che in realtà era un antico robot. Dopo averlo sfruttato per uccidere Teridax nella battaglia di Bara Magna, Mata Nui si è servito del robot per riunificare Spherus Magna, su cui ora Berix e tutti gli altri risiedono.

Personalità e caratteristiche[]

Berix insieme a Tarix

Berix è un Agori molto esperto nel riparare oggetti di ogni genere, tanto che è diventato anche in grado di curare alcune semplici ferite. È sempre mal visto dagli altri Agori, che più che un collezionista di oggetti lo ritengono un ladro. Berix, d'altra parte, ha più di una volta dimostrato di avere una passione per oggetti preziosi, anche non suoi, che prende per sé quando può. Sostiene però sempre la propria innocenza.

Strumenti[]

Berix possiede uno scudo e una spada d'acqua.

Set[]

Berix è stato rilasciato come set nell'inverno del 2009, con il codice 8975. Conteneva 15 pezzi.


Advertisement