"[Lewa] era sbalordito dal vedere una foresta che si estendeva tanto lontano quanto dove l'occhio poteva vedere, ben più vasta della giungla che aveva considerato una casa sull'isola di Mata Nui."

—Narratore, Reign of Shadows

Bota Magna, nota anche come la grande giungla, è una regione di Spherus Magna ed è stata per lungo tempo un pianeta a sé stante.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Da sempre parte di Spherus Magna, Bota Magna era una vasta regione florida e lussureggiante, ricoperta da estese foreste. Governata in parte dal Signore elementale della giungla, era la casa della Tribù della giungla, della Tribù della terra e della Tribù del ferro, ed era la patria degli Skrall. Durante la costruzione dell'Universo Matoran, un Grande Creatore toccò la Kanohi Ignika e fu da essa colpito con una maledizione che portava in vita tutto ciò che lo circondava. Il Creatore, impazzito, fu dunque rinchiuso in una fortezza su Bota Magna. Prima di nascondersi all'interno dell'Universo Matoran per osservarne il funzionamento, un altro Grande Creatore lasciò nella regione alcuni suoi agenti segreti, che gli riferirono periodicamente gli eventi di Bota Magna per i successivi 100000 anni.

La Frantumazione[modifica | modifica sorgente]

A seguito della Frantumazione, Bota Magna e la regione più settentrionale di Spherus Magna si separarono dal pianeta, che fu smembrato, e divennero un pianeta a sé stante, similmente a Bara Magna e Aqua Magna.

Rettili biomeccanici su Bota Magna

Insieme agli esseri rimasti sul pianeta, si trovarono su Bota Magna anche numerosi Vorox, che però non regredirono ad uno stato bestiale come i loro simili su Bara Magna, vista l'abbondanza di risorse presenti. Alcuni Agori del pianeta diedero la colpa del disastro alla tecnologia troppo avanzata. Svilupparono perciò un'avversione per i Grandi Creatori ed iniziarono a portare armature fuse a piante. Migliaia di anni dopo, il Grande Creatore maledetto contattò Vezon, che si trovava in una dimensione parallela, e lo condusse nella sua cella. Poco dopo Vezon portò nella fortezza dallo spazio anche MiserixTuyetBrutakaAxonnHelryxLewaArtakhaHafu e Kapura e il Grande Creatore li pregò di essere liberato dal suo imprigionamento.

Riformazione di Spherus Magna[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver preso il controllo dell'antico Robot PrototipoMata Nui iniziò ad attrarre Bota Magna ed Aqua Magna verso Bara Magna, con l'intento di riformare Spherus Magna. Il lavoro venne tuttavia interrotto dall'arrivo su Bara Magna di Teridax, in possesso del più potente Robot del Grande Spirito. Durante lo scontro fra i due titani, Mata Nui riuscì a deviare un raggio gravitazionale sprigionato dal Makuta per attirare con rapidità i due pianeta verso Bara Magna. Poco dopo infatti i tre pianeti si riunirono e Teridax fu sconfitto ed ucciso da Mata Nui.

Mata Nui attrae Bota Magna ed Aqua Magna per riformare Spherus Magna

Quest'ultimo donò poi a tutti gli abitanti dell'universo Matoran la capacità di comprendere il linguaggio Agori, sebbene i suoi poteri furono bloccati dalla barriera che circondava la fortezza del Grande Creatore maledetto. Mentre gli esseri dentro la fortezza discutevano su da farsi, Lewa lasciò l'edificio per esplorare la vasta giungla di Bota Magna, imbattendosi in un gruppo di Agori locali. Incapace di comunicare con loro, fece capire che proveniva dalla fortezza. Gli autoctoni divennero rapidamente ostili, puntandogli contro le loro armi. Alcuni giorni dopo, GeluZariaChiara e Orde si addentrarono nella regione alla ricerca dei Grandi Creatori. Vennero tuttavia trovati e fatti prigionieri da Kabrua e i suoi Vorox, che dopo aver fermato il loro tentativo di fuggire li condussero nella loro città. Il giorno seguente liberò i prigionieri nella foresta per organizzare una battuta di caccia contro di loro, per vendicarsi dei mali inflitti ai Vorox di Bara Magna. Quando Chiara e Zaria provarono a tendergli un'imboscata, Kabrua rivelò di poter bloccare i loro poteri elementali con armi speciali. Orde e Gelu invece riuscirono ad eludere i Vorox e Orde lesse la mente di Kabrua, scoprendo che era al servizio di un Grande Creatore che era stato nascosto nell'Universo Matoran. Proprio quel Grande Creatore, nel frattempo, progettò di distruggere la fortezza del Grande Creatore maledetto per ucciderne gli esseri all'interno, ostacolo ai suoi piani di conquista. Tutti, però, riuscirono a fuggire in tempo.

Località[modifica | modifica sorgente]

La separazione di Bota Magna durante la Frantumazione

Bota Magna, situata nelle zone settentrionali di Spherus Magna, è perlopiù ricoperta da giungle e foreste molto rigogliose, rimaste tali anche dopo la Frantumazione. Tra i luoghi più significativi della regione, vi sono la zona da cui gli Skrall si sono originati, una città dove risiedevano numerosi Vorox e Kabrua, ed una fortezza dei Grandi Creatori dove uno di loro, impazzito a causa di una maledizione, era stato rinchiuso. Mentre era un pianeta a parte, Bota Magna comprendeva anche la zona più a nord di Spherus Magna e possedeva un'orbita propria intorno a Solis Magna.

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.