Bionicle Wiki ITA Wikia
Advertisement

Crotesius è un Agori della Tribù del fuoco e un pilota che gareggia nei duelli nell'arena.

Biografia[]

Primi anni[]

Crotesius era un Agori della Tribù del fuoco, che era governata dal Signore elementale del fuoco. I Signori elementali un giorno iniziarono una guerra per il controllo del Protodermis energizzato e il conflitto terminò solo quando la frantumazione separò in tre parti il pianeta. Al momento del disastro, Crotesius si trovava su Bara Magna, che divenne un pianeta a sé stante.

Bara Magna[]

Dopo che le tribù aderirono ad una nuova società basata sui duelli nelle arene, Crotesius cominciò a lavorare come meccanico, riparando veicoli di altri Agori. Un giornò rinvenne nel deserto un veicolo sepolto e lo estrasse con l'aiuto di Berix. Decise di tenere per sé il veicolo, che chiamò Cendox V1, a cui si legò in modo affettivo. Iniziò inoltre ad usarlo nei duelli nell'arena, riuscendo anche a vincere la divisione veicoli del Grande torneo.

Spedizione verso nord[]

Crotesius ed alcuni altri Agori furono incaricati di preparare l'Arena Magna di Atero in vista del Grande torneo annuale. Visto che Tarduk si era allontanato per esplorare delle rovine nella zona, Crotesius si lamentò con lui della sua inefficienza, ma Tarduk gli mostrò un pezzo di metallo su cui era disegnata una mappa con una Stella rossa e lo convinse a seguire la mappa per cercare cosa fosse questa stella. I due persuasero anche Kirbold ad intraprendere il viaggio e i tre, cavalcando dei cacciatori della sabbia, si diressero verso le Montagne di quarzo bianco. Durante la traversata dei monti, un branco di Lupi di ferro li circondò e Tarduk propose di caricare contro di loro, ma Crotesius sapeva che le creature non avrebbero mai tentato una cosa simile. Poco dopo davanti a loro apparve Surel, padrone del branco, che si presentò agli Agori e raccontò loro la sua storia.

Crotesius come set insieme al suo veicolo

Li avvertì che i Signori elementali, adesso liberi, si trovavano su Bara Magna. In quel momento il Signore elementale del ghiaccio scatenò una valanga per travolgerli, ma i quattro si salvarono grazie all'intervento del Signore elementale del fuoco, che bloccò la slavina. Crotesius e gli altri fuggirono nel mezzo dello scontro e Surel tentò di convincerli ad abbandonare la spedizione, troppo pericolosa. Crotesius si lamentò del suo atteggiamento e il Glatorian gli puntò al collo un coltello, ma lo ritrasse, non volendo, a suo dire, risparmiare loro gli orrori che li attendevano a nord. Il giorno seguente, Kirbold propose di tornare indietro, ma Tarduk lo convinse ad andare avanti, raggiungendo le soglie della Foresta delle lame. Kirbold, preoccupato, se ne andò, mentre Crotesius e Tarduk si addentrarono nel bosco, dove ad un certo punto vennero intrappolati da alcune piante, controllate dal Signore elementale della giungla. Questi, sebbene avesse intenzione di liberare Tarduk in quanto membro della sua vecchia tribù, decise di trattenere Crotesius e fonderlo, come altri soldati intorno a lui, agli alberi della foresta. Per fortuna, Kirbold tornò nella foresta e con una torcia appiccò un incendio. Crotesius si liberò e fuggì con gli Agori, lasciando il Signore elementale a fare i conti con le fiamme. Proseguendo il viaggio, i tre giunsero alla riva del Fiume Dormus, che dovevano per forza attraversare. Crotesius disse che forse la meta che cercavano non esisteva nemmeno più e Kirbold lo derise, perciò l'Agori del fuoco, per provare il suo coraggio, accettò di entrare in acqua, in cui fu però trascinato dal Signore elementale dell'acqua. L'essere trattenne sott'acqua i tre con delle bolle d'aria e fu convinto dagli Agori a lasciarli in vita, in cambio di farsi mostrare come proseguire il viaggio. Il Signore del ghiaccio, tuttavia, apparve ed iniziò a congelare le acque del fiume, mettendo il fiume il suo rivale acquatico. I tre Agori, per sfuggire all'onda gelida, si precipitarono verso la riva, dove furono tratti in salvo dal Signore elementale della roccia. Il Signore elementale si presentò a loro nella forma di una replica in pietra di Tarduk e disse loro di non conquistare la Valle del labirinto, l'obiettivo della spedizione, ma i tre gli risposero che non avevano intenzione di impadronirsene. A quel punto, avuta la conferma che non avrebbero sottratto i poteri nascosti nella valle, il Signore elementale accettò di farli proseguire. Dopo diverse ore di cammino, in cui assistettero anche ad alcuni Baterra mentre mutavano forma, giunsero al "Desiderio dello spirito", un portale che fungeva da teletrasporto.

Crotesius a bordo del Cendox V1

Entrandovi, Crotesius e i suoi compagni si ritrovarono fra le rovine dell'Arena Magna, che, intuirono, qualcuno aveva nel frattempo attaccato e distrutto. I tre, dopo l'esperienza, decisero di fare ritorno ai loro villaggi, lasciando Tarduk con il desiderio di giungere alla fine del viaggio e risolverne il mistero.

Guerra contro gli Skrall[]

Durante un match di allenamento, Crotesius affrontò Kirbraz e Scodonius, che pilotavano il Kaxium V3. Nonostante i suoi rivali avessero tentato una nuova manovra inedita, Crotesius riuscì a sconfiggere Sconodonius, e porre fine all'incontro. I tre Agori discussero poi dei recenti spostamenti degli Skrall e Crotesius disse che, secondo lui, i duelli nelle arene sarebbero proseguiti anche durante il conflitto. In seguito Crotesius fu fra gli Agori che aiutarono Mata Nui durante la battaglia per decisiva contro gli Skrall, combattuta a Roxtus.

Riformazione di Spherus Magna[]

Qualche tempo dopo Crotesius raccontò a Mata Nui del viaggio intrapreso da lui, Kirbold e Tarduk, aggiungendo che Tarduk si era nuovamente diretto verso nord per completare la spedizione. In seguito lasciò con gli altri Agori il Mega-villaggio, che fu affidato a Mata Nui, e dopo la Battaglia di Bara Magna ha ricominciato a vivere su Spherus Magna, ricostituita e rivitalizzata da Mata Nui.

Personalità[]

Crotesius nel libro delle istruzioni

Crotesius è molto ambizioso e desidera, un giorno, poter diventare il leader di Vulcanus. È alquanto impaziente e non sopporta le persone eccentriche, ma è comunque noto per il suo coraggio e la sua audacia. È anche molto legato al proprio veicolo.

Veicolo[]

Crotesius pilota il Cendox V1, che ha scoperto e ammodernato con nuove attrezzature. Ha vinto numerose sfide con esso, compreso un Grande torneo.

Set[]

Crotesius è stato rilasciato insieme al suo Cendox V1 nel corso del 2009. Il set conteneva 151 pezzi, di cui 15 erano usati per Crotesius, e il suo codice era 8992.


Advertisement