"Chi ti ha chiesto di salvarmi? Non capisci? I Makuta mi accettavano - avevano un uso per me - che è più di quanto abbiamo mai fatto i miei amici Matoran! Avevo finalmente trovato un luogo a cui appartenevo, e tu me l'hai portato via."

—Gavla a TakanuvaThe Final Battle

Gavla è un'Av-Matoran e un ex Matoran oscura.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Gavla fu creata dai Grandi Creatori per contribuire alla costruzione del Grande Spirito Mata Nui. Quando fu terminata la costruzione dell'universo Matoran, gli Av-Matoran vennero mandati a colonizzare Karda Nui, dove vennero protetti dai continui attacchi degli Avohkah grazie ai Toa Mata. Gavla, insieme agli altri, fece poi ritorno al suo luogo di origine, una serie di caverne posta sopra Karda Nui, mentre Mata Nui venne risvegliato per la prima volta. Durante il violento terremoto causato dal Grande Cataclisma, parte delle caverne dei Matoran caddero dentro Karda Nui, rimanendo sopra immense stalattiti di roccia. I Matoran costruirono allora i villaggi stalattite, in cui risiedettero per il successivo millennio. Un giorno, Gavla stava lavorando insieme al compagno Tanma alla sistemazione di alcuni spaventapasseri Rahi, quando Makuta Chirox la attaccò con una sanguisuga d'ombra, risucchiando la sua luce e trasformandola nella prima Matoran oscura di Karda Nui. Dopo un breve scontro con Tanma, ancora libero, Gavla si ritirò con i Makuta. Venne poi mutata da Mutran, che con speciali virus le donò denti affilati, ali e artigli. Dopo settimane di assalti sugli Av-Matoran ancora liberi da parte dei Makuta, un giorno Toa Mahri Matoro arrivò improvvisamente a Karda Nui ed utilizzò la Kanohi Ignika, salvando la vita a Mata Nui. Il suo sacrificio sprigionò un lampo di luce che accecò tre dei Makuta.

Gavla come set

Questi scoprirono però di poter usare i Matoran oscuri come "occhi" per via telepatica e Vamprah decise che Gavla sarebbe stata la sua pilota. Durante una battaglia successiva, i Toa Nuva apparvero a Karda Nui e tre di loro si schierarono a difesa dei Matoran ancora liberi, mettendo in grande difficoltà i Makuta. Gavla collaborò più volte con Vamprah per assaltare i Toa e dopo una grande e aspra battaglia aerea, i Makuta optarono per una ritirata verso la palude dei segreti, dove tre dei loro simili li attendevano. Gavla venne poi rintracciata e forzatamente curata da Takanuva, che per ripristinare la sua luce sfruttò l'urlo sonico del Klakk. Gavla, tuttavia, non fu contenta di essere tornata alla normalità, in quanto era convinta che con i Makuta aveva trovato un luogo a cui sentiva di appartenere. Seguendo le indicazioni del Toa, Gavla dovette subito dopo riunire tutti gli Av-Matoran curati e fuggire con loro alla volta di Metru Nui, dove rimase per i tempi successivi. Dopo la morte di Teridax, Gavla è migrata con tutti gli altri sulla riformata Spherus Magna. Qui Mata Nui ha usato le sue ultime forze per curare, fra le varie cose, anche le mutazioni causate da Mutran sui Matoran oscuri.

Personalità e poteri[modifica | modifica sorgente]

Gavla, sebbene non sia letteralmente cattiva, non prova alcun senso di amicizia per gli altri Av-Matoran, risultando perciò spesso irritata da loro. Mentre era una Matoran oscura, Gavla iniziò a combattere volontariamente i suoi ex compagni, convinta di poter così aiutare i Makuta, che erano stati gli unici a considerarla per ciò che meritava realmente. Una volta curata, l'Av-Matoran si è trovata nuovamente sola ed isolata e non aveva intenzione di tornare alla sua vecchia vita. Essendo un'Av-Matoran, Gavla può distorcere il modo in cui la luce intorno alla sua armatura appare, facendola sembrare di altri colori a chi la guarda. Si è a lungo allenata per arrivare ad usare questa sua abilità in modo naturale e continuo, mimetizzandosi sempre con l'ambiente. Può poi incanalare piccole quantità di luce tramite i suoi strumenti o le sue mani. Come Matoran oscura, invece, poteva generare piccole esplosioni oscure.

Maschera e strumenti[modifica | modifica sorgente]

Gavla insieme a Vamprah

Come Av-Matoran, Gavla indossava una Nobile Kaukau, che venne però sostituita dai Makuta con una Nobile Avsa. Gavla ha poi ripreso la sua vecchia Kanohi. Possedeva due spade del potere, che sono però state in seguito sostituite con delle lame, una volta divenuta lei una Matora oscura.

Set[modifica | modifica sorgente]

Gavla (codice 8948) è stata rilasciata nell'inverno del 2008 come set minore. Conteneva 14 pezzi.

Citazioni[modifica | modifica sorgente]

"Si potrebbe dire che ho visto la luce... penetrando nell'oscurità."

—Gavla, Shadows in the Sky


I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.