Bionicle Wiki ITA Wikia
Advertisement

"Un Grande Creatore, sì... questo è come chiamavano me... i miei fratelli e le mie sorelle. Angonce una volta ha detto che quel nome è stato la peggiore cosa che ci sia capitata, perché abbiamo iniziato a pensare che fosse veritiero."

—Il Grande Creatore maledetto agli esseri riuniti nella sua fortezza, Reign of Shadows

Il Grande Creatore maledetto (nome non ufficiale) è un Grande Creatore maledetto dalla Ignika e per questo poi imprigionato su Bota Magna.

Biografia[]

Oltre 100000 anni fa, durante la costruzione dell'Universo Matoran nel corso della Guerra del nucleo, i Grandi Creatori crearono la Kanohi Ignika, una maschera dagli immensi ed incontrollabili poteri che sarebbe servita a curare Mata Nui in caso di necessità. Un Grande Creatore, incuriosito da questi poteri, la toccò ed essa, in risposta, lo maledisse donandogli i suoi poteri e facendo quindi in modo che tutto ciò che circondasse il Creatore venisse in vita intorno a lui. Le richieste delle creature da lui evocate finirono per far impazzire il Grande Creatore, che fu dunque rinchiuso dai suoi colleghi in una fortezza su Bota Magna. Dopo millenni di imprigionamento, il Creatore iniziò ad osservare Vezon, che si era fuso ad una Olmak ed aveva iniziato una serie di imprevedibili viaggi dimensionali. In una di queste dimensioni parallele, il Creatore decise di fermare la Olmak e congelare lo spazio e il tempo intorno a Vezon, con cui parlò telepaticamente. Vezon promise di liberarlo dal suo imprigionamento, perciò fu condotto da lui, il quale però si accorse che lo Skakdi non era in grado di liberarlo. Lo inviò quindi a salvare dallo spazio aperto HelryxTuyetLewaMiserixArtakhaAxonnBrutakaHafu e Kapura, espulsi da Teridax dall'Universo Matoran, dopodiché disattivò nuovamente i poteri della sua Olmak. Gli esseri si ritrovarono nella fortezza ed Helryx si avvicinò all'essere, ma la sua armatura prese vita e tentò di strangolarla. Subito dopo il Grande Creatore rivelò che si trovavano su Bota Magna e li pregò di essere liberato, perciò i presenti iniziarono a discutere se fosse o meno il caso di assecondare la sua richiesta. Lewa invece uscì dalla fortezza per esplorare la vasta giungla di Bota Magna. Poco dopo Spherus Magna venne riformata e Velika, un Grande Creatore sotto copertura, raggiunse la fortezza e la circondò con esplosivi, sperando di uccidere tutti gli esseri al suo interno. Tuttavia gli esseri provenienti dall'Universo Matoran riuscirono a fuggire in tempo e lo stesso, a loro insaputa, fece il Grande Creatore folle.

Personalità e poteri[]

Il Grande Creatore, come i suoi simili, ha un'incredibile passione per la creazione ed una grande curiosità. Proprio tale curiosità lo ha portato a toccare la Ignika. Possiede poteri telepatici e la capacità di interfacciarsi anche con altre dimensioni, di cui può controllare il tempo e lo spazio. Dopo aver toccato la Ignika, il Creatore è stato maledetto e, da allora, tutti gli oggetti inanimati che lo circondano prendono all'improvviso vita e il Grande Creatore può sentire le loro parole e i loro pensieri. Per questo motivo è finito per impazzire ed è stato rinchiuso. Questo potere raggiunge solo oggetti ad una distanza ravvicinata e perde effetto se tali oggetti si allontanano.

Citazioni[]

"Non parlo agli esseri di questo mondo. Non mi vedono mai, e non mi sentono mai, e così viene lasciato alla loro immaginazione pensare cosa io sia, come pensi, e cosa creda. L'immaginazione ha un'infinita capacità di riempire gli spazi bianchi con ciò che desidera si trovi lì."

—Il Grande Creatore maledetto a Vezon, Reign of Shadows

Advertisement