Bionicle Wiki ITA Wikia
Advertisement

La Guerra del nucleo è stata una guerra combattuta su Spherus Magna per il controllo del Protodermis energizzato, dove si scontrarono fra loro tutte le tribù del pianeta, guidate dai Signori elementali. Il conflitto culminò con la Frantumazione, che distrusse Spherus Magna e pose di fatto fine alla guerra.

Causa e premesse[]

Il nucleo del pianeta ospitava da lungo tempo grandi quantità di Protodermis energizzato, che furono scoperte per prime dalla Tribù della terra, che però decise di tenere per sé la cosa ed aspettare che un'altra tribù se ne accorgesse. In seguito, la sostanza emerse da una fonte sulla superficie del pianeta, nel territorio della Tribù del ghiaccio, e il Signore elementale del ghiaccio, incoraggiato anche dalla Signora elementale della terra, reclamò per sé il Protodermis e ne barricò la fonte, mettendo fine alle trattative intavolate con gli altri Signori elementali, tutti interessati all'incredibile sostanza. Questi non videro altra opzione se non quella di dichiarare guerra al Signore elementale del ghiaccio.

Conflitto[]

La scoperta del Protodermis energizzato

I Signori elementali costituirono degli eserciti usando i guerrieri delle loro tribù, mentre gli Agori si astennero dal conflitto. In poco tempo la guerra si estese al tutto il pianeta e a quasi tutta la sua popolazione. Solamente la Tribù della terra si dichiarò neutrale, sebbene in realtà fomentasse segretamente la guerra per tentare di ribaltarla alla fine. I Grandi Creatori, che non riuscivano a porre fine alla guerra, condussero esperimenti sul Protodermis energizzato, scoprendo che avrebbe distrutto ben presto Spherus Magna. Diedero perciò il via ad un progetto che avrebbe permesso la ricreazione del pianeta in futuro. Vastus, un comandante della Tribù della giungla, venne scelto per mettere in atto un sabotaggio ai danni della Tribù del ghiaccio. A causa di un incidente, tuttavia, una valanga da lui scatenata per ostruire un passaggio portò invece alla morte di oltre mille Agori innocenti. L'evento tormentò a lungo il guerriero. Surel, un guerriero della Tribù del ghiaccio, fu gravemente ferito durante uno scontro e molti lo ritennero morto. In realtà, trovò rifugio sulle Montagne di quarzo bianco, dove un branco di lupi di ferro da lui addestrati se ne prese cura. Il suo amico Gelu, invece, disertò dall'esercito e si spostò verso sud, ma la guerra giunse anche lì. Molti soldati vennero fusi dal Signore elementale della giungla agli alberi della Foresta delle lame, che prende il nome proprio dalla caratteristica delle sue piante.

Battaglia del Terreno della nebbia[]

La Tribù dell'acqua, guidata da Tarix, e quella del fuoco, guidata da Ackar, si scontrarono in un'occasione nel Terreno della nebbia, una regione di Bota Magna.

Battaglia nel Canyon di ferro[]

Una battaglia lunga un intero mese si tenne nel Canyon di ferro e Ackar vi prese parte. A causa della conformazione del canyon, le truppe dovettero spesso procedere in fila indiana e nascondersi, e le imboscate furono molte.

Campagna dei tunnel della Tribù del ghiaccio[]

Il Signore elementale dell'acqua ordinò a Tarix di sferrare un attacco contro la Tribù del ghiaccio, essendo venuto a conoscenza di alcuni tunnel sotterranei della tribù e sperando di usarli a proprio vantaggio. Tarix si scontrò invece con Vastus e i suoi soldati, ma i due raggiunsero una tregua e Tarix decise di muoversi verso i presunti tunnel. Durante una sosta a Bota Magna, Malum e delle truppe sotto il suo comando li attaccarono e Tarix e Vastus fuggirono verso l'obiettivo. Qui Vastus ordinò ai suoi guerrieri di ritirarsi, lasciando Tarix ad affrontare Malum. Tuttavia l'apparizione di Certavus e dei suoi soldati portò alla ritirata di entrambi.

Estrazione del Protodermis energizzato[]

Stronius, guerriero della Tribù della roccia, combatté a lungo la Tribù del ghiaccio, indebolendola notevolmente, e la Tribù del fuoco ne approfittò per sferrare un attacco e conquistare la fonte di Protodermis energizzato. Iniziarono immediatamente ad estrarre la sostanza, ignorando ogni avvertimento, e ciò destabilizzò notevolmente la struttura del pianeta, che finì per frantumarsi.

Conseguenze[]

La catastrofe, che separò in tre parti Spherus Magna, causò la morte di innumerevoli esseri e la guerra terminò. I Signori elementali rimasero imprigionati su Bara Magna, dove sarebbero rimasti per del tempo, e le tribù di Bara Magna, il maggiore dei tre pianeti, capirono che una nuova guerra sarebbe stata troppo devastante e svilupparono il sistema dei duelli nell'arena per creare una nuova società. Gli Agori, tuttavia, regredirono notevolmente dal punto di vista tecnologico, affidandosi solo alle invenzioni lasciate dai Grandi Creatori per continuare a vivere. I sopravvissuti di Bota Magna riuscirono a vivere in condizioni migliori grazie all'abbondanza di risorse naturali, che invece scarseggiavano tremendamente nei deserti di Bara Magna. 100000 anni dopo la catastrofe, Mata Nui riuscì, come progettato fin dall'inizio dai Grandi Creatori, a ricostituire Spherus Magna.

Advertisement