Bionicle Wiki ITA Wikia
Advertisement

"Molto saggio, la mia gente è sospettosa degli stranieri la maggior parte delle volte. Stranieri con la capacità di creare fulmini o far muovere gli oggetti -- il mondo sarebbe un posto molto più sicuro se esseri così fossero morti."

—Kabrua a GeluThe Yesterday Quest

Kabrua è un leader Vorox ed un agente segreto al servizio di Velika.

Biografia[]

Kabrua era un membro della Tribù della sabbia, governata dalla Signora elementale della sabbia. Come i suoi simili, subì alcune mutazioni a causa di esperimenti condotti dai Grandi Creatori ed ottene un'apparenza più bestiale ed un pungiglione sulla coda. Prima della fine della guerra del nucleo, Kabrua iniziò a servire un Grande Creatore che progettava di conquistare Spherus Magna dopo che Mata Nui avrebbe completato la sua missione. Il Grande Creatore, che progettava di nascondersi all'interno dell'universo Matoran, donò al Vorox alcuni dispositivi di comunicazione, per essere periodicamente aggiornato sui principali eventi del pianeta. Quando poi avvenne la frantumazione, Kabrua ed una parte dei Vorox si ritrovò su Bota Magna. Qui, a differenza dei Vorox di Bara Magna, Kabrua e il suo seguito non regredirono ad uno stato bestiale, mantenendo il loro intelletto e la loro capacità di parlare. 100000 anni dopo, Spherus Magna venne riformata da Mata Nui. Il Grande Creatore, nascosto nel corpo di un Po-Matoran, raccontò a Kabrua delle drammatiche condizioni in cui si trovavano i Vorox di Bara Magna a causa delle altre tribù, accrescendo i suoi risentimenti verso di loro, e gli donò sofisticati dispositivi in grado di cancellare i poteri elementali dei Toa ed altre armi antiche, ma funzionali. Non molto tempo dopo Kabrua e i suoi guerrieri incontrarono un team composto dai Toa OrdeChiara e Zaria e la guida Gelu. I Vorox riuscirono ad intrappolarli con una rete, ma i Toa si liberarono con i loro poteri e Zaria tentò di di disarmarli tramite i suoi poteri sul ferro, ma a quel punto i Vorox aprirono su di loro il fuoco con i blaster, mettendoli al tappeto. Kabrua, notando lo smarrimento di Gelu, gli rivelò che i Vorox di Bota Magna non erano regrediti come i loro parenti di Bara Magna. Temendo poi le misteriose abilità dei Toa, ordinò che i prigionieri fossero portati alla città dei Vorox, dove quella sera banchettò con la sua gente. La mattina seguente, Kabrua organizzò una battuta di caccia con i prigionieri come prede, lasciando loro del tempo di vantaggio per nascondersi in una foresta. Due dei Toa provarono a liberare i loro poteri per avvantaggiarsi, perciò Kabrua li ammonì che lui e i suoi guerrieri erano in grado di annullare i poteri dei Toa ed iniziò a cercare Gelu e Orde, che erano fuggiti. Avvertì poco dopo che Orde aveva letto nella sua mente, ma non riuscì a localizzare con esattezza la posizione della Toa.

Personalità e caratteristiche[]

Kabrua sente di essere legato ai Vorox di Bara Magna e di conseguenza prova disgusto verso i Glatorian che li hanno ridotti ad uno stato di abbrutimento e schiavitù. Non si farebbe scrupoli ad uccidere chi ha commesso questi crimini. Come tutti i Vorox, possiede un pungiglione sulla sua coda, a seguito di un esperimento condotto dai Grandi Creatori.

Strumenti[]

Kabrua e il branco portano sofisticate armi che generano colpi esplosivi. Possiede inoltre un blaster in grado di bloccare i poteri elementali dei Toa. Entrambi questi tipi di armi li ha ricevuti da Velika.


Advertisement