"In realtà, ho trovato un Makuta che ha preferito parlare che essere sbriciolato dai miei artigli. Mi ha indicato la direzione giusta... e in cambio non l'ho ridotto a brandelli. Era piuttosto intatto quando l'ho assorbito nel mio corpo."

MiserixDwellers in Darkness

Il Makuta di Stelt, il cui nome non viene mai fatto esplicitamente, era un membro della Confraternita dei Makuta.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Il Grande Spirito creò il Makuta ed il resto della sua specie 100000 anni fa da una fonte di Antidermis nelle Isole Meridionali. Come gli altri suoi simili, entrò poi a far parte della Confraternita dei Makuta e si dedicò inoltre alla creazione di numerosi Rahi per popolare l'Universo Matoran. A seguito della Guerra Civile MatoranMiserix incaricò il Makuta di sorvegliare l'isola di Stelt. Quando Teridax convocò tutti i Makuta su Destral e propose di prendere il controllo dell'universo, il Makuta di Stelt fu tra i numerosi che si schierarono con lui, evitando di essere condannato a morte. Anni dopo i Makuta si evolsero da esseri biomeccanici ad Antidermis contenuto in mere armature. Teridax, per rendere più comode queste armature, convocò su Destral i Fantasmi di Nynrah, che le modificarono opportunamente. In seguito il Makuta di Stelt contattò Sidorak, chiedendogli di vendere alla confraternita il suo capo, Voporak, per sottoporlo a degli esperimenti. Il Makuta utilizzò su di lui diverse sostanze mutagene, aiutato anche da Roodaka, e lo trasformò in un essere in grado di avvertire oscillazioni temporali. Sperava così, in caso la leggendaria Vahi fosse mai stata creata, di localizzarla con successo. Inviò poi Voporak dai Cacciatori dell'oscurità per essere addestrato a seguire il proprio comandante, ma il risultato fu che l'essere divenne fedele ai suoi nuovi padroni. Come altri suoi simili, il Makuta di Stelt selezionò poi un team di Toa Hagah che si occupasse di proteggerlo. Dopo la ribellione del team guidato da Norik, tuttavia, i restanti Toa Hagah furono tutti o corrotti o uccisi. Durante il Grande cataclisma, il Makuta di Stelt si trovava su Destral e parte della fortezza crollò, danneggiando la sua armatura e causando una fuoriuscita di Antidermis da essa. Mutran e Chirox lo aiutarono ad entrare in un Exo-Toa, dove rimase fino a quando la sua armatura non venne riparata. Il Makuta di Stelt combatté inoltre con Conjurer, che tentò di assorbire i suoi poteri tramite il suo Rhotuka. Il piano riuscì, ma l'energia fu troppa per il Cacciatore dell'oscurità, che cadde in coma. Il Makuta uscì illeso dallo scontro. Anni dopo, mentre si trovava su Stelt, il Makuta fu rintracciato da Miserix che minacciò di farlo a brandelli se non gli avesse rivelato dove Teridax si trovasse. Il Makuta rivelò che Teridax si trovava nel Processore del nucleo a Metru Nui, sperando di essere risparmiato, ma Miserix lo assorbì dentro di sé, uccidendolo comunque.

Poteri[modifica | modifica sorgente]

Come tutti i Makuta, quello di Stelt possedeva la capacità di creare Kraata e sfruttare i loro 42 poteri. Poteva anche controllare l'oscurità e usare la sua mano d'ombra.


I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.