"È cominciata piccola, proprio al centro della palude, ma è cresciuta rapidamente. Era terribile e stupenda allo stesso tempo, luce ed energia rilasciate in una furia a cui nulla è paragonabile."

TakanuvaTakanuva's Blog

Le Tempeste energetiche erano violente scariche di energia pura che devastavano periodicamente Karda Nui.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Le tempeste energetiche furono create per segnalare periodicamente il corretto funzionamento del Robot del Grande Spirito. Quando Mata Nui venne risvegliato per la prima volta, le tempeste spazzarono via i villaggi degli Av-Matoran, che li avevano appena abbandonati. I Toa Mata, che si trovavano a Karda Nui, trovarono rifugio nel Codrex, unica struttura in grado di resistere alla tempesta. Durante la Guerra Civile Matoran, i Matoran di Metru Nui smisero di lavorare. Essendo il loro lavoro vitale per il benessere di Mata Nui, il robot del grande spirito iniziò lentamente a deteriorarsi, e le tempeste diminuirono in intensità. Jovan e il suo team recuperarono la Ignika, che usarono a Karda Nui per curare Mata Nui. Le tempeste tornarono alla loro normale potenza, e Jovan usò una Olmak con i suoi compagni per fuggire in tempo. Quando Mata Nui fu messo a riposo durante il grande cataclisma, le tempeste cessarono e gli Av-Matoran, che si ritrovarono a Karda Nui, poterono vivere così in sicurezza. Mille anni dopo, le tempeste ripresero quando Toa Ignika sacrificò le proprie forze per risvegliare il Grande Spirito. Una tempesta investì rapidamente l'intera caverna, cancellando dall'esistenza tutti i Makuta presenti, compreso Mutran, il quale credeva di aver trovato il modo di controllarla. I Toa Nuva e Takanuva, invece, riuscirono a fuggire in tempo sfruttando tre potenti veicoli trovati all'interno del Codrex, mentre gli Av-Matoran si erano già messi in salvo dopo che Takanuva li aveva avvisati dall'imminente pericolo. Dopo la morte di Teridax e la distruzione dell'universo Matoran, le tempeste sono probabilmente cessate.

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.